PALERMO. Il mondo della medicina è a lutto per la morte di uno dei luminari di endocrinologia. E' morto nella notte tra domenica e lunedì è morto a 60 anni, all'ospedale Villa Sofia di Palermo, l'endocrinologo Marco Attard.

I funerali celebrati a Porto Empedocle, sua città natale. Subito dopo le vacanze di Natale, Attard è stato colpito da un'emorragia cerebrale, per la quale è stato operato sei volte. Poi è stato spostato a Cefalù per la riabilitazione fino al triste epilogo della scorsa notte. Lascia una moglie e due figli.

Studente dell'Università di Palermo, ha continuato a frequentare l'Ateneo prendendo posto nella cattedra di Endocrinologia. Nella stessa unità operativa ha svolto le attività di assistenza in corsia, ambulatorio e ricerca. Si è occupato principalmente di fisiopatologia, diagnostica e clinica delle malattie tiroidee e delle neoplasie in particolare.

Fu lui a fondare l'Atta onlus, l'Associazione Tumori tiroidei e affini e membro del Cape, il Comitato nazionale delle associazioni dei pazienti endocrini. e Membro del  Comitato scientifico Nazionale  per la Sindrome di Klinefelter e l'Associazione Sindrome Klinefelter Italiana Sicilia Onlus.